Menu

Insalata di Riso Java alla balinese

Rainforest Rice Salad

Insalata di Riso Java alla balinese

Categoria: Primi
Occasione: Aperitivo, Brunch, In piedi, Quando vuoi, Tutte le occasioni
Bevande abbinate: Centopassi - Bianco - IGT - BIO
Difficoltà: 20
Tempo di cottura: 30 minuti circa
Tempo di preparazione: 45 minuti
Stagione: Autunno, Estate
Autore: Emily Sutanto di Bloomagro - Gapoktan Simpatik

Ingredienti:

Dosi per: 3/4 persone

Riso Java rosa, rosso e nero Bio Altromercato

300 gr.

Fagioli freschi rossi

100 gr.

Cetriolo fresco a cubetti

1

Pomodori a cubetti

2

Lemongrass

3 steli della parte bianca interna affettati finemente

Aglio

2 spicchi affettati finemente

Foglie di kaffir lime

5 tagliate larghe

Salsa di pesce

2 cucchiai da minestra

Succo di lime

3

Olio vegetale

150 ml.

Scalogni

8 affettati finemente

INSALATA DI RISO ALLA BALINESE DEDICATA DA EMILY SUTANTO ALLE DONNE CHE CREDONO IN #UNALTROVIVERE.

Fasi e preparazione:

  1. Cuoci il riso java secondo le istruzioni e nel frattempo scalda in una padella l’olio sino a che diventa molto caldo e fumante.
  2. Metti in una ciotola il chili, lo scalogno, l'aglio, le foglie di lime, la salsa di pesce e il succo dei lime.
  3. Mescola il tutto nella ciotola e aggiungi l’olio bollente. Il composta frigolerà per un breve tempo e poi lasciala raffreddare.
  4. Quando il riso sarà cotto mettilo in un contenitore aperto e lascialo raffreddare per 10 minuti, aggiungi i cetrioli tagliuzzati, i pomodori e i fagioli rossi (altri fagioli secchi come i Fagioli allegri).
  5. A questo punto aggiungi il condimento a piacere (come si utilizza una salsa dressing) all’insalata di riso e mescola vigorosamente.

Il CircolodelCibo segnala:
Con questa ricetta di Emily Sutanto di Bloomagro vi raccontiamo come le donne produttrici di Commercio Equo e Solidale vogliono dimostrare la loro vicinanza a tutte quelle donne che ogni giorno lavorano per creare assieme #unaltrovivere.
Protagonista di questa ricetta balinese è il Riso Java rosa, rosso e nero, varietà autoctona dell'Isola di Java e Bali, coltivato dai contadini di Gapoktan Simpatik secondo un metodo che rispetta la biodiversità, permette un notevole risparmio di acqua e aumenta la produttività.