Menu
Notizie - Produttori

Emergenza Filippine - Aggiornamenti


Emergenza Filippine

Raccolta fondi

Il tifone Yolanda (nome filippino per il tifone Haiyan) ha devastato molte isole delle Filippine. Molte comunità vivono in condizioni assai precarie, senza un tetto, senz'acqua potabile e senza cibo. Anche i produttori di SPFTC e PFTC. Non dimentichiamoli!

Altromercato ha istituito un raccolta fondi che andrà a beneficio di SPFTC e PFTC, con priorità verso le famiglie di produttori colpiti e le strutture produttive coinvolte:
*I contributi vanno inviati al conto corrente intestato a MANDACARU' ONLUS SCS
su CASSA RURALE DI BOLZANO/RAIFFEISENKASSE BOZEN GENOSSENSCHAFT
IBAN IT58K0808111600000300031178
Causale: "erogazione liberale progetto emergenza Filippine"

I danni sull'isola di Cebu e Bohol

locandina raccolta fondi
la locandina della raccolta fondi

Geraldine Labradores, direttrice di SPFTC (Southern Partners and Fair Trade Corporation), ci aggiorna costantemente sulla situazione dei produttori di SPFTC sulle isole di Cebu e Bohol. Molte delle abitazioni dei contadini sono state fortemente o parzialmente danneggiate e l'impianto di lavorazione del mango e del cocco a Inayagan ha avuto danni al tetto, alle tubature d'acqua; anche alcune capanne per la conservazione delle noci di cocco sono state distrutte nella zona settentrionale dell'isola di Cebu. Sono state evacuate molte famiglie di produttori del gruppo Panaghugpong sa mga Mag-uuma sa Loon che produce olio di cocco (utilizzato da Altromercato nella cosmesi). Circa l'80% delle famiglie residenti nelle province più colpite delle due isole è senza tetto e 2.300 famiglie di produttori di SPFTC (cocco, verdure, sardine, pesce e gruppi di donne) sono state duramente colpite. Sull'isola di Bohol non vi è ancora elettricità e i raccolti sono gravemente compromessi; anche nel nord di Cebu ci sono molti paesi senza elettricità e bambini per strada che chiedono aiuto. Le comunità stanno dormendo in tenda perché lo shock è stato tremendo e hanno ancora molta paura.

L'appello di Geraldine e i kit per l'emergenza

distribuzione degli aiuti di notte
gli aiuti vengono distributi anche di notte per raggiungere le zone più lontane - foto inviata da SPFTC

Geraldine scrive che vista la gravità della situazione ci vorranno almeno 6 mesi per la ricostruzione, ammesso che si riusciranno a raccogliere i fondi necessari. Gli aiuti "ufficiali" arrivano con molta difficoltà perché le elite politiche locali li convogliano solo verso alcune comunità. Gli aiuti che SPFTC e altre organizzazioni della società civile stanno distribuendo nelle isole di Cebu e Bohol si concentrano al momento su beni di prima necessità come cibo, acqua e medicine. Un kit di "relief support" contenente 10 chili di riso, acqua e legumi in scatola serve per il mantenimento di una famiglia per circa 5 giorni e costa circa €11. Il kit di materiale igienico e medicinali costa €6,4 a famiglia. SPFTC sta cercando di costruire delle tendopoli e sta valutando la possibilità di portare dei generatori nelle zone in cui non ci sarà elettricità per mesi. Appena passato il periodo di estrema emergenza, si inizierà a ricostruire le case e gli edifici delle organizzazioni, in modo da permettere la ripresa delle attività produttive. Assieme al network di organizzazioni della società civile si prevederà inoltre un supporto psicologico. Le persone traumatizzate sono tantissime.
Geraldine ringrazia le organizzazioni di Commercio Equo e Solidale per la vicinanza e per aver istituto una raccolta fondi, che per loro in questo momento significa poter ridare speranza a molte famiglie duramente provate.

I danni sull'isola di Panay

danni sull'isola di Panay - foto inviata da PFTC
danni sull'isola di Panay - foto inviata da PFTC

Sull'isola di Panay il supertifone Yolanda ha colpito le città di Iloilo, Capiz, Akplan e Antique. Muovendosi verso occidente le piogge torrenziali accompagnate ai venti hanno provocato l'esondazione dei fiumi Aganan, Jalaur, Ulian e Suage interrompendo le principali vie di transito dell'isola. Il tifone ha distrutto 22 centri abitati, colpendo direttamente più di 100.000 persone. La fondazione Fair Trade Foundation Panay (FTFP), che fa parte di un network di organizzazioni della società civile, è attiva per portare aiuti a 24.000 famiglie gravemente colpite nelle cinque provincie dell'isola di Panay. La Fondazione è sorta nel 2001 per fornire assistenza e prevenzione alle popolazioni colpite dalle calamità naturali, ed in particolare modo dai tifoni, che si abbattano sull'arcipelago a cadenza costante durante l'epoca dei monsoni. Il target principale degli aiuti sono i produttori di Commercio Equo e Solidale e le loro comunità.

L'appello di Angel e i kit per l'emergenza

abitazioni danneggiate - foto inviata da PFTC
abitazioni danneggiate - foto inviata da PFTC

La fondazione ha predisposto tre tipologie di kit. Gli aiuti consistono in "food kit" contenenti generi alimentari di prima necessità come riso, pesce secco, fagioli, sardine ed olio. Ogni kit costa circa 4 euro. Ci sono 24.000 famiglie che necessitano di generi alimentari. Sono previsti inoltre 500 kit "non food item", che contengono materassini, coperte e contenitori per l'acqua per una famiglia. Ogni kit costa circa € 11. Infine, la fondazione spera di poter acquistare altri 500 kit di materiale di ricostruzione per le abitazioni, come pali in bambù, tetti in canna nipa e chiodi. Ogni kit costa circa € 54 e serve per ricostruire un'abitazione mediamente danneggiata.
Il direttore di PFTC Angel Panganiban ci ha informati che i primi 1.000 kit alimentari sono stati distribuiti nella zona di Dumarao Capiz, che non era ancora stata raggiunta dagli aiuti e che è distrutta al 98%. Fa appello alla solidarietà internazionale chiedendo di raccogliere a breve ulteriori fondi per poter sostenere le tante famiglie e comunità messe in ginocchio dal tifone Yolanda.

La situazione dei mulini di PFTC

uno dei mulini danneggiati - foto inviata da PFTC
uno dei mulini danneggiati - foto inviata da PFTC

La stagione della raccolta della canna da zucchero sull'isola di Panay va da fine novembre a maggio. I contadini tagliano la canna e la conferiscono al mulino dove viene spremuta e lavorata artigianalmente per ottenere lo zucchero biologico integrale Mascobado. È fondamentale che PFTC possa ripristinare a breve i tetti danneggiati dei mulini Kamada2 e Mofawa per non compromettere la produzione dello zucchero e causare ulteriori danni economici ai contadini, già duramente provati dal tifone. Il direttore di PFTC, Angel Panganiban, ci informa che le prime stime di ricostruzione delle strutture dei mulini si aggirano sui 400.000 pesos filippini, equivalenti a € 6.896.

* Per le persone fisiche: in base alla normativa vigente, (L. 96/2012, DPR 917/1986) si può scegliere di detrarre dall'imposta lorda il 24% dell'importo donato ad una Onlus nel 2013, e il 26% a partire dal 2014, fino ad un massimo di 2.065,83 euro, conservando la ricevuta bancaria. Sia per le persone fisiche che per le imprese è possibile scegliere la deduzione fiscale.
E' preferibile rivolgersi al proprio consulente di fiducia per scegliere la formula più adatta alle proprie esigenze.

foto inviata da SPFTC
foto inviata da SPFTC