Menu

Involtini primavera di riso Java, verdurine e gamberi

involtini primavera

Involtini primavera di riso Java, verdurine e gamberi

Categoria: Primi
Occasione: Aperitivo, In piedi, Quando vuoi
Bevande abbinate: Gewürztraminer o Sauvignon Blanc
Difficoltà: 80
Tempo di cottura: 1 ora
Tempo di preparazione: 1 ora e mezza
Stagione: Primavera, Estate
Autore: Betulla

Ingredienti:

Dosi per: 4

gamberetti (freschi o decongelati)

200g

Germogli di soia (freschi o in scatola)

90g

Riso java rosa rosso e pandan Altromercato

40g

Zucchine

40g

Carote

30g

Acqua

2 cucchiai

Cialde di riso per involtini

6

Aglio

1 spicchio

Farina di riso

1 cucchiaio

Salsa di soia

4 cucchiai

Olio extravergine di oliva

q.b.

Olio per friggere (consigliato olio di arachidi)

q.b.

Pepe bianco Altromercato

q.b.

Sale

q.b.

GLI INVOLTINI SONO IL FRUTTO DI UN’ATTRAZIONE FATALE VERSO I COLORI PASTELLO DEI FIORI DI PRIMAVERA, VOGLIA DI CIBO CINESE E INCONTENIBILE, CONTINUA CURIOSITÀ

Fasi e preparazione:

  1. Cuoci il riso Java: dopo aver lavato molto bene il riso sotto l’acqua fredda, metti in una pentola una parte di riso e due parti e mezzo di acqua fredda (regolatevi con un bicchiere). Accendi il fuoco; il riso deve bollire per circa 15 minuti. Gira il riso di tanto in tanto sino al completo assorbimento dell’acqua. Trasferisci il riso cotto in una terrina e tienilo da parte.
  1. Sbollenta i gamberetti (freschi o decongelati) in acqua bollente per 2 o 3 minuti. Dopo averli scolati, falli raffreddare.
  1. Taglia la zucchina e la carota a Julienne (va benissimo anche il taglio fatto con il classico pelapatate Julienne). Fai sudare le verdure: in una padella antiaderente metti un filo d’olio  e uno spicchio d’aglio, non appena l’olio è caldo aggiungi le verdure a Julienne e i germogli di soia. Mescola bene e copri con un coperchio. Fai sudare per una decina di minuti, poi aggiungi i gamberetti alle verdure. Unisci due cucchiai di salsa di soia, mescola con cura facendo insaporire, copri e spegni il fuoco. Lascia intiepidire.
  1. Nella terrina con il riso Java già cotto aggiungi le verdure e i gamberetti. Mescola con una forchetta facendo in modo di “sgranare” anche un po’ il riso. Assaggia il composto ed condisci con sale, olio e il pepe bianco macinato al momento, eventualmente aggiungi un altro cucchiaio di salsa di soia.
  1. Prepara gli involtini: per prima cosa prepara la “colla” unendo in una ciotolina un cucchiaio di farina di riso a due cucchiai di acqua. Sul piano di lavoro metti una scodella di acqua fredda (deve essere un po’ più larga della cialda di riso) e un asciugamano di cotone pulito. Bagna una cialda di riso per volta, subito dopo “tamponala” con l’asciugamano di cotone e asciugala bene. Prendi una o due cucchiaiate di composto di riso Java, gamberi e verdure, e adagialo al centro delle cialda di riso dandogli la forma di un cilindro. Chiudi l’involtino (immagina di chiudere una busta: prima porti verso il centro il lato inferiore, poi ripieghi le due ali esterne, infine spennelli con un po' di colla il lembo superiore e lo incolli bene). Procedi arrotolando gli involtini fino all’esaurimento del ripieno (sono piuttosto grossi, visto che è un primo piatto)
  1. Scalda l’olio abbondante nella padella per frittura. Quando l’olio è ben caldo friggi gli involtini per qualche minuto per lato (sono pronti quando la cialda di riso diventa dorata). La cialda si gonfia in cottura e diventa particolarmente croccante.

NB: la cialda di riso mentre cuoce è particolarmente appiccicosa (per cui è preferibile usare strumenti di legno per girarli), quindi cuoci gli involtini ben distanziati.

Il Circolo del Cibo segnala

Questo primo piatto originale e ricco di fibre è stata creato dalla Fair Food Blogger Betulla preziosa collaboratrice de IlCircolodelCibo. Betulla ci scrive: "raramente i cinesi bevono vino a tavola ma l'abbinamento si può fare. Il sapore intenso del ripieno ma anche l'untuosità della cialda mi fanno pensare a vini aromatici ma con una nota di freschezza (il vino si deve equilibrare alla pietanza, né l'uno, né l'altra devono prevalere e in presenza di grasso deve aiutare a contrastarlo), come il Gewürztraminer o il Sauvignon blanc. L'unico dubbio che mi resta è la presenza della salsa di soia... ma direi che anche qui la tipologia di vino è sempre quella degli aromatici con una nota di freschezza. Andrebbe provato anche un Riesling, un Moscato bianco o un rosato, fresco e fruttato".