Menu
ANAPQUI
"È venuto il momento di dare alla quinoa il riconoscimento mondiale che si merita"
Ban Ki-moon
ANAPQUI è un’associazione nazionale di produttori di quinoa, fondamentale per l'economia della Bolivia e partner “storico” del commercio equo e solidale europeo.
Paese: Bolivia
Fondazione: 1983
Persone coinvolte: circa 10.000
Sito Web

ANAPQUI, Asociaciòn Naciònal Productores de Quinoa

E' un’associazione nazionale di produttori di quinoa, importante organizzazione in un paese povero come la Bolivia e partner “storico” del commercio equo e solidale europeo. Anapqui è una federazione di nove associazioni regionali di produttori di quinoa, che dal 1983 acquista la quinoa dai propri soci e la esporta a varie organizzazioni, fra cui quelle del commercio equo. In un paese che non offre molte opportunità lavorative, Anapqui garantisce posti di lavoro qualificati e ben retribuiti e salvaguardia la biodiversità. La coltivazione della quinoa avviene nel Sud della Bolivia, sull’Altiplano intorno al lago salato di Uyuni ad un’altezza media di circa 3.800 metri sopra il livello del mare. Altipiani sassosi, terra arida battuta dal vento, cotta dal sole di giorno e gelata da freddissime notti: in questi luoghi inospitali troviamo popolazioni di etnie antichissime, Aymara e Quechua, che vivono in condizioni di sopravvivenza paragonate, nei rapporti dell’UNPD, a quelle delle popolazioni dell’Africa subsahariana.

Coltivare la quinoa nel rispetto della tradizione Aymara e Quechua

Ogni organizzazione regionale di Anapqui raccoglie circa 200 famiglie di produttori, in totale 10.000 persone. Si tratta di cifre importanti visto che nell’area dell’altipiano del Salar vivono in tutto 45.000 persone. Nonostante il correre della storia, le realtà indigene dell’altipiano hanno conservato dall’epoca precolombiana una forte identità. La terra è di proprietà della comunità e viene distribuita equamente tra i membri, in proporzione alle necessità ed alla capacità di lavoro della famiglia. Tutte le operazioni necessarie per la coltivazione della quinoa sono effettuate manualmente, dalla semina alla raccolta. L’alta quota e le condizioni ambientali semidesertiche rendono difficile qualsiasi tipo di coltivazione e di insediamento produttivo. La scarsità di vie di comunicazione e di reti di trasporto è un ulteriore ostacolo allo sviluppo. Nonostante l’isolamento e le difficoltà, Anapqui nei suoi oltre trent’anni di attività è riuscita a crescere ed a coinvolgere un maggior numero di produttori; le associazioni regionali che inizialmente erano sette ora sono nove.

Quinoa, pianta miracolosa delle Ande, simbolo di biodiversità

L’ONU ha dichiarato il 2013 “Anno internazionale della quinoa”, con l’obiettivo di valorizzare il ruolo di questo seme nella lotta contro la fame, la denutrizione e la miseria e di farlo conoscere al grande pubblico. Emblema dei cibi nobili e dimenticati, la quinoa è un alimento molto sano e completo, ricco di proteine, minerali e vitamine e i suoi semi sono da sempre alla base dell’alimentazione delle popolazioni andine. La coltivazione  del “grano madre” degli Inca era legata a diversi riti sacri e, proprio per questo, è stata bandita dai conquistatori europei. La quinoa appartiene alla famiglia delle Chenopodiacee (come lo spinacio) ed è priva di glutine. Anapqui sostiene una forte valorizzazione della sua coltivazione come strumento di salvaguardia del territorio e di permanenza della popolazione in luoghi altrimenti destinati allo spopolamento. I produttori, soci delle singole organizzazioni regionali, coltivano e consegnano la quinoa biologica al magazzino comunitario dove viene stoccata prima di essere inviata allo stabilimento di lavorazione di Challapata.

Ultime notizie e i suoi prodotti

Ultime Notizie
Come riconoscere un cioccolato pregiato

La nostra mini guida al cioccolato pregiato e a tutte le nostre tavolette Mascao. Diventa un choco-sommellier!

Quinoa real in grani Bolivia - bio

Biologico

Senza Glutine

Vegano

Quinoa real in grani Bolivia - bio

Quinoa Real della Bolivia, 100% biologica. Confezione da 500g.
 
Spaghetti spezzati quinoa e grano duro - bio

Biologico

Vegano

Spaghetti spezzati quinoa e grano duro - bio

Spaghetti spezzati di grano duro pugliese e quinoa, da agricoltura biologica.
 
Gallette croccanti al mais I tondi - bio

Biologico

Senza Glutine

Vegano

Gallette croccanti al mais I tondi - bio

Croccanti gallette biologiche di cereali: mais, riso e quinoa.
 
€ 1,95
Birra chiara  Blond Ale alla quinoa - bio

Biologico

Senza Glutine

Vegano

Birra chiara Blond Ale alla quinoa - bio

Birra chiara gluten-free, con quinoa. Prodotta in Italia, è di varietà Blond Ale, ad alt ...
 
€ 2,50
Fusilli quinoa e grano duro - bio

Biologico

Vegano

Fusilli quinoa e grano duro - bio

Fusilli di quinoa e grano duro pugliese, da agricoltura biologica.
 
€ 2,15
Penne rigate quinoa e grano duro - bio

Biologico

Vegano

Altri marchi italiani solidali

Penne rigate quinoa e grano duro - bio

penne rigate - pasta con quinoa - bio
 
€ 2,15
Spaghetti quinoa e grano duro - bio

Biologico

Vegano

Spaghetti quinoa e grano duro - bio

Spaghetti di grano duro pugliese e quinoa, da agricoltura biologica.
 
€ 2,15
Muesli esotico

Vegano

Muesli esotico

Muesli esotico con gocce di cioccolato, quinoa soffiata e avena.
 
€ 3,85

La quinoa nelle scuole elementari boliviane

Anapqui ha concluso un accordo con il governo boliviano per la fornitura a prezzi agevolati di quinua biologica in fiocchi e grani che viene utilizzata per l’integrazione della dieta degli studenti delle scuole elementari del paese. Il progetto subsidio familial è rivolto alle mense scolastiche con l’obiettivo di promuovere tra i bambini boliviani il consumo della quinoa, anche in aree che prima non ne facevano uso. In questo modo la quinoa trova spazio anche nel mercato nazionale e fa sì che grazie alla coltivazione biologica si porti avanti il rispetto della Pachamama che nella tradizione quechua è la dea madre della terra, dell’agricoltura e della fertilità.

Azioni mirate per una vera sostenibilità ambientale

I produttori di Anapqui rappresentano un presidio a tutela della biodiversità in una delle zone più singolari del pianeta. Senza la loro presenza, la regione dell’altopiano del Salar sarebbe destinata ad una rapida desertificazione con tutto ciò che ne consegue. In tema di tutela ambientale, Anapqui ha avviato dal 2000 il Programma di Produzione di Quinoa Naturale, Proquinat. Il problema ambientale, ed in particolare l’erosione del terreno e l’estensione della coltivazione di quinoa, che rischia di diventare una monocultura, rappresentano punti critici che Anapqui affronta per garantire un’economia sostenibile. I produttori stessi sono i primi ad essere preoccupati per le tematiche ambientali e per questo stanno sviluppando alcune azioni mirate come: garantire un periodo di riposo dei terreni coltivati (rotazione deiterreni tra coltivazione della  quinoa e pascolo), raccogliere la quinoa a taglio e non a strappo per mantenere la fertilità del suolo, selezionare artigianale dei semi all’interno delle unità produttive, realizzare barriere con piante locali come la tola al fine di proteggere il terreno dall’erosione dei venti e dall’attacco di animali, sviluppare l’allevamento puntando ad un incremento di camelidi come il lama per la concimazione naturaledei terreni. L’azione combinata di questi strumenti sta già dando alcuni risultati interessanti e il finanziamento di queste azioni è stato possibile anche grazie al sovrapprezzo pagato dal commercio equo.