Menu
Campo dei Miracoli
dove nasce la volontà di cambiare e di migliorarsi
Campo dei Miracoli Società Cooperativa Sociale a r.l. nasce a Gravina in Puglia nel 1999 con l'obiettivo di inserire nel mondo del lavoro persone svantaggiate.
Paese: Italia
Fondazione: 1999
Persone coinvolte: 4 detenuti
Sito Web
Solidale Italiano

Dietro un detenuto un "pezzo di pane"

Campo dei Miracoli Società Cooperativa Sociale a r.l. nasce a Gravina in Puglia nel1999 con l'obiettivo di inserire al lavoro soggetti svantaggiati. La cooperativa si occupa prevalentemente della gestione di mense pubbliche e private, produzione e confezionamento di prodotti da forno, organizzazione di eventi, servizio catering, manutenzione del verde,sanificazione e disinfestazione di ambienti pubblici e privati, produzione evendita di artigianato artistico. Nel 2003 la Cooperativa firma una convenzione per la gestione del servizio di confezionamento pasti; con cui realizza progetti di formazione e attività lavorative per i detenuti all'interno della Casa Circondariale di Trani, che dal 2004 ospitava una popolazione carceraria di circa 260 persone. Alcune di loro, 8, sono state indirizzate al servizio nella preparazione di pasti per i reclusi e altre verso la lavorazione artigianale dei taralli salati della tradizione pugliese. A dicembre 2007 viene implementata la produzione, il confezionamento e la commercializzazione di prodotti da forno; il progetto si propone di formare e occupare i detenuti nella lavorazione artigianale dei taralli salati. Dopo una serie di esperimenti, la produzione si focalizza su questo prodotto tipico della tradizione pugliese facendo molta attenzione a valorizzare i prodotti del territorio e realizzare un prodotto che si contraddistingua per genuinità e scelta ingredienti, come l’olio extravergine d’oliva. L’obiettivo di questo progetto è il reinserimento lavorativo e la formazione dei detenuti. Per molti, significa anche la presa di consapevolezza di quello che si è fatto e la motivazione per cambiare percorso di vita.

Pane, taralli e libertà

Oltre al lavoro del panificio e della cucina,Campo dei Miracoli ha attivato diverse attività di manutenzione del verde pubblico che hanno previsto il reinserimento lavorativo di ex detenuti, ha promosso corsi di formazione all’interno della casa circondariale maschile e femminile di Trani per produzione di diverse bontà dolci e salate, come pizze e focacce, pasta fresca, coltivazione del fungo Cardoncello,tipico della Murgia Nord Occidentale e degli ortaggi. La cooperativa si è inoltre impegnata per la promozione del proprio lavoro tramite la partecipazione a fiere ed eventi a livello locale e nazionale (Fà la Cosa giusta, Salone del gusto, Fiera del Levante...)

Ultime notizie e i suoi prodotti

Ultime Notizie
Come riconoscere un cioccolato pregiato

La nostra mini guida al cioccolato pregiato e a tutte le nostre tavolette Mascao. Diventa un choco-sommellier!

Taralli all'olio extravergine d'oliva

Senza olio di palma

Vegano

Taralli all'olio extravergine d'oliva

Un prodotto artigianale, fragrante e gustoso.
 
€ 3,90
Taralli ai semi di finocchio

Senza olio di palma

Vegano

Taralli ai semi di finocchio

Un prodotto artigianale, fragrante e gustoso.
 
€ 3,90
taralli alla cipolla

Senza olio di palma

Vegano

taralli alla cipolla

Un prodotto artigianale, fragrante e gustoso.
 
€ 3,90

Il passo più difficile

Ad oggi all’interno del panificio lavorano 4 detenutiseguiti da 2 esterni.In media un lavoratore impiegato nella produzione taralli guadagna netti in Busta Paga € 1.100,00 euro per cinque ore di lavoro al giorno. Il passo più difficile per chi esce dal carcere rimane ilrientro nel mondo del lavoro, dovuto allo stigma e ad un mercato del lavoro piuttosto complesso. Tuttavia, sono stati diversi i ragazzi che hanno partecipato al progetto con Campo dei Miracoli e che hanno trovato un loro collocamento nel mondo del lavoro, sia nei panifici che nella ristorazione…la formazione è importante ma fondamentale rimane la volontà di cambiamento.

Progetti comuni: supporto tecnico e dialogo

Sin dall’inizio, la collaborazione si è basata sulla fiducia reciproca e sulla discussione, che ha permesso di superare insieme i problemi e migliorare nella produzione. La cooperativa ha sempre puntato su un prodotto d’eccellenza e di qualità e una ricetta tradizionale che utilizzasse ingredienti genuini, mancava però il passaggio da una produzione locale aquella più articolata a livello nazionale. La collaborazione con Altromercato ha consentito alla cooperativa di fare quel salto. In questi anni, ad esempio,si è trovato un confezionamento più adeguato che permettesse una migliore conservazione del prodotto e si è data più attenzione a tutta la filiera produttiva, dalla lavorazione alla consegna.