Menu
NCO
Economia sociale come antidoto all'economia criminale
In un territorio fortemente caratterizzato dalla presenza della camorra, Nuova Cooperazione Organizzata, consorzio di 5 cooperative sociali vuole contribuire ad una crescita civile del territorio, sostenuta dalla cultura dell’inclusione e della legalità. Crea attività di economia sociale sostenibili, specializzandosi in sott’oli come melanzane e friarielli, che danno lavoro dignitoso a persone in difficoltà.
Paese: Italia
Fondazione: 2012
Persone coinvolte: circa 200 persone (5 cooperative sociali)
Sito Web
Solidale Italiano

NCO = Nuova Cooperazione Organizzata

NCO è un acronimo tristemente famoso. Negli anni settanta e ottanta il territorio campano ha conosciuto la brutalità della Nuova Camorra Organizzata (NCO), che ha segnato una svolta nella storia criminale della Campania e a livello nazionale. In quegli anni si è passati da forme arcaiche a sistemi illegali organizzati in modo imprenditoriale, che purtroppo ancora imperversano e controllano svariati settori economici (traffico degli stupefacenti, finanziamento e conduzione degli appalti pubblici, smaltimento illegale dei rifiuti). Nuova Cooperazione Organizzata (NCO) vuole essere una risposta “Organizzata” della società civile che crede nella cultura della legalità e svolge le proprie attività sui beni confiscati ai membri delle più importanti famiglie camorriste. Oltre all'attività agricola, NCO svolge un'importante attività educativa soprattutto nel campo dell'educazione alla legalità e ospita i campi di impegno e formazione organizzati da Libera.

Contro la camorra c'è l'Agricoltura biologica sociale

Si parte dalla coltivazione dei terreni confiscati per realizzare un’agricoltura non solo biologica, ma sociale, che mette al centro la persona e la comunità di riferimento. Le attività sono finalizzate al coinvolgimento della collettività, per il cambiamento socio culturale del territorio e per rendere sempre di più i beni confiscati e comuni simboli e risorse di comunità libere dalla camorra. Le produzioni del Solidale Italiano coinvolgono la cooperativa sociale del Consorzio NCO Al di là dei sogni, realtà impegnata in percorsi virtuosi di agricoltura sociale. Sul bene confiscato di Sessa Aurunca, la cooperativa semina, coltiva, raccoglie e trasforma nel suo laboratorio melanzane e friarielli. Oltre a controllare tutta la filiera produttiva, Al di là dei sogni ha raggiunto un obiettivo importante: ha realizzato il primo laboratorio di trasformazione al mondo su un bene confiscato alle mafie!

Ingredienti e persone speciali

Specie vegetali legate al territorio, qualità del prodotto e recupero degli antichi sapori della cucina campana: i friarielli, cioè le infiorescenze di cime di rapa, e le melanzane sotto'olio biologiche di varietà Violetta Lunga Napoletana non hanno nulla a che vedere con le produzioni di massa!  I friarielli sono molto salutari ma anche buonissimi su pizza, panini, o come contorno. Anche le melanzane sono molto versatili, si possono proporre come antipasto sfizioso sul pane caldo o aggiungere per creare sughi. Le melanzane vengono sbucciate e lavorate sotto sale, tagliate a striscioline, sbollentate in acqua e aceto e infine riposte con cura nei vasetti, con solo olio extra vergine d'oliva biologico e qualche sapore mediterraneo come aglio e peperoncino. L’agricoltura sociale promossa da NCO prevede l’inserimento lavorativo di persone "svantaggiate". Gli utenti di servizi sanitari psichici e della riabilitazione, vengono inseriti in percorsi lavorativi e riabilitativi ed attraverso i gruppi di convivenza ritrovano una “normale e quotidiana terapeuticità”.