Menu
Sana Hastakala
artigianato con un grande cuore
Sana Hastakala è nata con il supporto dell'Unicef, come progetto di assistenza agli artigiani. L’organizzazione è cresciuta nel tempo in tutti gli aspetti: ha costituito una rete di produttori, ha migliorato le capacità produttive e commerciali e ha aperto un punto vendita nella capitale Kathmandu.
Paese: Nepal
Fondazione: 1989
Persone coinvolte: circa 1.000
Sito Web

Supporto produttivo e commerciale

Sana Hastakala è nata con il supporto dell'Unicef, come progetto di assistenza agli artigiani. L’organizzazione è cresciuta nel tempo in tutti gli aspetti: ha costituito una rete di produttori, ha migliorato le capacità produttive e commerciali e ha aperto un punto vendita nella capitale Kathmandu. Dal 2003 è membro di WFTO, l’associazione internazionale del commercio equo. L’obiettivo di Sana Hastakala è alleviare la condizione di povertà dei piccoli artigiani marginali, valorizzando le loro capacità e la tradizione locale attraverso la formazione tecnica, lo sviluppo di prodotti e la vendita, soprattutto attraverso il fair trade.

Sostenere i produttori nelle loro comunità

Sana Hastakala fornisce ai gruppi di produttori supporto e informazioni per accedere al mercato e aiuto nello sviluppo di nuovi prodotti. Il programma sociale dell'organizzazione viene implementato principalmente attraverso il Fondo per lo Sviluppo di Comunità, che permette agli artigiani di ricevere prestiti senza interessi, acquistare attrezzi e materiali, ricevere assistenza medica, formazione, incentivi e trasporto. «La felicità non viene dal possedere un gran numero di cose, ma deriva dall'orgoglio del lavoro che si fa» Gandhi

Ultime notizie e i suoi prodotti

Ultime Notizie
Dignità, design e colori naturali: un viaggio nell’artigianato nepalese

Alla scoperta del Nepal con Altromercato Experience

10 pz. Sacchettino Cuori in festa in carta lokta
10 pezzi

Fatto a mano

10 pz. Sacchettino Cuori in festa in carta lokta

Un delicato sacchettino nella preziosa carta lokta nepalese, stampata manualmente a riliev ...
 
€ 10,00
Mug/Boccale TERRE Cerchio ceramica

Mug/Boccale TERRE Cerchio ceramica

L’aspetto materico del gres puntinato e dei segni grafici, essenziali ma impattanti, ...
 
Bottiglietta TERRE Linee in ceramica

Bottiglietta TERRE Linee in ceramica

Puoi creare un set per olio-aceto o per i tuoi olii aromatici preferiti, ma la singola bot ...
 
Tazzina caffe TERRE Impronta in ceramica

Tazzina caffe TERRE Impronta in ceramica

La pratica e informale tazzina da caffÚ con il suo aspetto materico del gres puntinato ...
 
Tazzina caffe TERRE Arcobaleno in ceramica

Tazzina caffe TERRE Arcobaleno in ceramica

La pratica e informale tazzina da caffÚ con il suo aspetto materico del gres puntinato ...
 
Bottiglietta TERRE Centro in ceramica

Bottiglietta TERRE Centro in ceramica

Puoi creare un set per olio-aceto o per i tuoi olii aromatici preferiti, ma la singola bot ...
 
Mug/Boccale TERRE Diapason ceramica

Mug/Boccale TERRE Diapason ceramica

L’aspetto materico del gres puntinato e dei segni grafici, essenziali ma impattanti, ...
 
Mug TEXTURE doppio manico ceramica

Mug TEXTURE doppio manico ceramica

Ottima anche come idea regalo, questa particolare mug ha due manici pensati per infilare e ...
 
€ 16,00

Produttori e gruppi che lavorano con Sana Hastakala

  • Allo Cloth Production Club - Fibra di allo - Da oltre vent’anni le donne della remota regione montana di Shankhuwasabha hanno organizzato una rete di gruppi di base. Sono ormai oltre 4.000 le donne coinvolte, che attraverso la vendita di prodotti di fibra ricavano un reddito in una zona di povera agricoltura.
  • Radha Subba - Tessili dhaka - Radha è una giovane donna, che ha imparato l’arte di tessere dalla madre, quando aveva 7 anni. Una volta scelto di investire i propri risparmi e il proprio impegno nel dhaka, Radha è riuscita a creare un proprio laboratorio, dove insegna l’arte ad altre giovani, dando loro un’opportunità di lavoro.
  • Dhundi Prasad Bhattachan - Articoli in pashmina - Nel suo laboratorio di Kathmandu, Dhundi tesse la lana pashmina con tinture ecologiche, dando lavoro a 25 persone, che sono soprattutto donne nepalesi (al contrario di altri laboratori che assumono i più esperti immigrati indiani).