El Tamiso

Ortofrutta

Scopri i prodotti El Tamiso
Home » El Tamiso

Paese:

Fondazione:

Prodotto:

Persone coinvolte:

Valore protetto/impegno:

Italia

1984

ortofrutta stagionale

oltre 50 soci in tutta Italia

tutela dell’ambiente, inclusione sociale

Segni particolari:

El tamiso è un termine dialettale veneto che significa “il setaccio”, con cui si seleziona la farina.
È stato scelto quando è stata costituita la cooperativa nei primi anni Ottanta, perché simboleggiava perfettamente la selezione e la scelta di alcuni valori rispetto ad altri. Un attrezzo rappresentativo della filosofia della Cooperativa, infatti, che è nata cercando di “filtrare” le buone idee su cui fondare la propria attività.

Motto / mission:

Siamo una cooperativa di produttori agricoli che praticano esclusivamente l’agricoltura biologica fin dall’inizio degli anni ‘80.

Sito web:

Come nasce

Le idee che sono alla base della creazione della cooperativa risalgono agli anni Settanta, periodo di fermenti sociali che portarono alla crescita di un forte spirito aggregativo: furono gli anni di associazionismo culturale e anche anni in cui iniziava a farsi strada l’idea dell’agricoltura biologica. A Padova, per esempio, prese corpo il Coordinamento Veneto AAM Terra Nuova tra produttori, distributori e consumatori di prodotti biologici, che comprendeva alcuni dei fondatori della cooperativa. Allora era forte l’idea di mettere in discussione il modello alimentare, gli stili di vita, soprattutto il modello agricolo convenzionale. La cooperativa agricola biologica “El Tamiso” nacque ufficialmente nel 1984 grazie a un gruppo di produttori e tecnici agricoli, sostenuti da chi come loro era interessato ai temi del biologico. Insieme provarono a costruire una realtà economica basata sulla mutualità e la sostenibilità, molto diversa dal modello economico dominante.

Com’è oggi

La Cooperativa “El Tamiso” conta attualmente 59 soci in tutta Italia, la maggior parte (38 aziende) ha sede in Veneto e rappresenta il cuore dell’attività della Cooperativa, che comunque mantiene relazioni associative anche con altre otto Cooperative agricole in Italia e 4 Cooperative sociali agricole. La produzione locale viene regolata in base al principio delle rotazioni delle colture e alle opportunità di vendita, e viene concordata di anno in anno con l’ausilio dell’agronomo della Cooperativa il quale, oltre a programmare la produzione, visita periodicamente i soci per sostenerli nella cura delle piantagioni. L’etica del lavoro e il forte senso di responsabilità sociale e ambientale sono valori fondanti che possono essere messi in campo quando la sostenibilità economica delle singole aziende agricole socie e la copertura dei costi della struttura cooperativa sono soddisfatti.

L’orto dea Titti e Toni

Veneto – Anguillara Veneta (PD)

“Lavoriamo i nostri campi con metodo completamente biologico. Lavoriamo circa 7 ettari di terreno che sono stati convertiti al biologico nel 2016. Questa scelta è stata dettata dallo scarso guadagno, dalla difficoltà di assumere regolarmente i dipendenti e dai grandi danni ambientali causati dalla coltivazione convenzionale. Tutto il nostro raccolto viene conferito alla cooperativa El Tamiso e possediamo il certificato De.Co., certificato di qualità territoriale della patata americana.”
Isabella Comunian

Le saline

Veneto – Agna (PD)

“Siamo i fratelli Traverso. I nostri genitori erano proprietari terrieri e noi abbiamo deciso di rimboccarci le maniche e iniziare a occuparci di agricoltura. Lavoriamo circa 40 ettari di terreno con il metodo biologico perché ci siamo resi conto che il tempo e i soldi investiti nell’agricoltura convenzionale portavano scarsi risultati con effetti negativi sulla nostra salute.
Siamo soci attivi della cooperativa El Tamiso, alla quale conferiamo i nostri raccolti, e mettiamo a disposizione il nostro spazio per eventi e serate. Siamo spinti da un forte senso di umanità e integrazione; ci impegniamo nell’inserimento lavorativo di persone svantaggiate, soprattutto di ragazzi richiedenti asilo. Il lavoro è ripetitivo; sono anni che facciamo le stesse cose nello stesso posto. Lavorare con questi ragazzi ci permette di viaggiare con la mente, di scoprire nuove terre, nuove tradizioni, e confrontarci. Purtroppo è sempre più complicato riuscire a metterli in regola. Ci piacerebbe riuscire a creare una rete più solida di inserimento, che permetta loro di crearsi un futuro e a noi la garanzia di avere un aiuto”.
Matteo e Luca Traverso

Caresà

Veneto – Brugine (PD)

La cooperativa sociale agricola Caresà è nata nel 2008 dall’idea di cinque ragazzi di formazione differente, uniti dal desiderio di lavorare nel sociale e all’aperto.
L’obiettivo con cui è nata Caresà è quello di creare opportunità lavorative e di qualificazione professionale per persone che faticano a inserirsi negli ordinari circuiti del mercato del lavoro. Ad oggi la cooperativa è composta da 12 ettari in cui vengono prodotte orticole e frutta; uno spazio è dedicato alla fattoria didattica. Nel corso del tempo Caresà è cresciuta molto: ad oggi vengono prodotte circa 50/60 varietà di orticole e il numero dei soci lavoratori è salito a 14. Nel dicembre 2017 sono stati inaugurati il punto vendita e l’agriturismo vegetariano.
Lavorare col metodo biologico è per loro l’unico modo per fare agricoltura, perché rispetta e tutela l’ambiente e le biodiversità.

Podere Clara

Veneto – Legnaro (PD)

“Mi chiamo Severino Bozzolan e produco col metodo biologico dal ’95. Inizialmente lavoravo col metodo tradizionale; col tempo mi sono accorto degli effetti negativi che aveva sulla salute. Cambiare metodo mi ha fatto entrare in contatto con la cooperativa El Tamiso che, grazie ai corsi formativi che organizza, mi ha fatto conoscere quella che oggi è la mia tecnica prediletta, l’omeodinamica. Parte dell’azienda è adibita a orti sociali: le persone prendono in affitto un pezzo di terra e io lascio loro a disposizione attrezzi e competenze; se hanno bisogno, possono interpellarmi in qualunque momento, io sono sempre in azienda. Fare i contadini non è un lavoro, è una missione. Bisogna farlo col cuore, con passione e con amore. Non basta usare le tecniche, occorre rispettare e ascoltare l’universo.”
Severino Bozzolan

Funghi San Giorgio

Veneto – Due Carrare (PD)

“Mi chiamo Orazio Tietto, produco funghi dal 1981 e ho elaborato il Fungitainer, strumento con cui lavoro. L’idea è partita dal desiderio di creare un sistema economico, sostenibile, a bassa impronta ambientale e a portata di tutti. Il sistema permette la produzione di più varietà di funghi in uno spazio limitato e la possibilità di essere trasportato in diverse parti del mondo. Il mio progetto è quello di riuscire a portare questo impianto nei paesi a sud del mondo, senza trarne guadagno. Produciamo biologico da sempre perché abbiamo sempre creduto che fosse l’unica via per svolgere questo lavoro; inoltre, il Fungitainer non necessita di sostanze chimiche per funzionare.”
Orazio Tietto

Come lavora

Sostenibilità ambientale

Sul sito della Cooperativa si legge: “La scelta del metodo dell’agricoltura biologica che promuoviamo e divulghiamo, è una scelta soprattutto culturale, dettata dalla volontà di poter esprimere modelli economici e produttivi che si traducano nel rispetto del lavoro degli agricoltori e della terra che coltivano”.

La finalità principale è l’organizzazione della produzione e la vendita dei prodotti dei soci. Vengono commercializzati anche prodotti da agricoltura biologica di diversi altri fornitori non soci presenti in tutta Italia con cui sono stati consolidati rapporti di fiducia reciproca e duratura. Lavorare con diverse realtà d’Italia permette di avere durante tutto l’anno una gamma di prodotti di ortofrutta stagionale e di riuscire così a valorizzare al massimo i prodotti. El Tamiso si occupa anche di assistenza tecnica e di corsi di formazione, informazione e promozione diretta ai consumatori.

Progetti particolari

Da alcuni anni la Cooperativa El Tamiso acquista prodotti da alcuni dei produttori del Consorzio BIA provenienti da tutta Italia.

Oltre alla collaborazione con questo consorzio, El Tamiso sostiene il lavoro e le attività di associazioni, cooperative, aziende agricole che lavorano all’interno di territori difficili, come quelli controllati dalle mafie, seguendo principi etici. Un esempio di questo sostegno è il legame con la cooperativa sociale calabrese Goel Bio. Questa fa parte del Gruppo Cooperativo GOEL che ha come mission il cambiamento socio-economico della Locride e della Calabria attraverso l’impresa sociale quale strumento per contrastare la ‘ndrangheta e le massonerie deviate, per la democrazia ed il bene comune.

Come lavora

Sostenibilità ambientale

Sul sito della Cooperativa si legge: “La scelta del metodo dell’agricoltura biologica che promuoviamo e divulghiamo, è una scelta soprattutto culturale, dettata dalla volontà di poter esprimere modelli economici e produttivi che si traducano nel rispetto del lavoro degli agricoltori e della terra che coltivano”.

La finalità principale è l’organizzazione della produzione e la vendita dei prodotti dei soci. Vengono commercializzati anche prodotti da agricoltura biologica di diversi altri fornitori non soci presenti in tutta Italia con cui sono stati consolidati rapporti di fiducia reciproca e duratura. Lavorare con diverse realtà d’Italia permette di avere durante tutto l’anno una gamma di prodotti di ortofrutta stagionale e di riuscire così a valorizzare al massimo i prodotti. El Tamiso si occupa anche di assistenza tecnica e di corsi di formazione, informazione e promozione diretta ai consumatori.

Progetti particolari

Da alcuni anni la Cooperativa El Tamiso acquista prodotti da alcuni dei produttori del Consorzio BIA provenienti da tutta Italia.

Oltre alla collaborazione con questo consorzio, El Tamiso sostiene il lavoro e le attività di associazioni, cooperative, aziende agricole che lavorano all’interno di territori difficili, come quelli controllati dalle mafie, seguendo principi etici. Un esempio di questo sostegno è il legame con la cooperativa sociale calabrese Goel Bio. Questa fa parte del Gruppo Cooperativo GOEL che ha come mission il cambiamento socio-economico della Locride e della Calabria attraverso l’impresa sociale quale strumento per contrastare la ‘ndrangheta e le massonerie deviate, per la democrazia ed il bene comune.

Scopri di più su Solidale Italiano Altromercato