Menu
Fair Farming
Il riso che profuma di giustizia
La Fair Farming Foundation Ramnagar nasce nel 2012 e riunisce i contadini di 38 villaggi delle regioni di Betalghat, Kotabag, Patkot, Dhela. Nonostante le difficoltà, il paesaggio incontaminato è ideale per la coltivazione del riso biologico.
Paese: India
Fondazione: 2012
Persone coinvolte: circa 500 contadini
Sito Web

Il riso che profuma di giustizia

Profumo, fragranza, aroma, sono alcune delle traduzioni della parola hindi Basmati, il riso dal chicco lungo e profumato, dal sapore delicato, quasi dolce, uno dei risi più pregiati al mondo,tanto da meritarsi il nome di Champagne dell’India. Ancora più pregiato è il riso Basmati della Fair Farming Foundation Ramnagar che proviene dai villaggi remoti nello Stato dell’Uttarakhand alle pendici dell’Himalaya, dove 500 piccoli produttori indiani coltivano il riso secondo i dettami dell’agricoltura biologica, a tutela dell’ecosistema locale.

Fair Farming Foundation Ramnagar

La Fair Farming Foundation Ramnagar nasce nel 2012 e riunisce i contadini di 38 villaggi delle regioni di Betalghat, Kotabag, Patkot, Dhela. Il paesaggio incontaminato è ideale per la coltivazione del riso biologico, ma i villaggi sono molto isolati e la vita non è facile. Molti contadini hanno un livello di scolarizzazione molto basso o nullo e in passato sono stati spesso sfruttati quando hanno venduto il riso sul mercato locale. La Fair Farming Foundation Ramnagar nasce proprio con l’obiettivo di migliorare le loro condizioni di vita, innanzitutto pagando un prezzo giusto che consenta alle famiglie di vivere dignitosamente, organizzando i contadini collettivamente per consentire uno sviluppo rurale sostenibile ed evitando la migrazione verso le grandi città.

I cambiamenti climatici e la gestione dell'acqua

I contadini di Fair Farming sono proprietari di piccoli appezzamenti, di media un ettaro e massimo tre, coltivati a riso (20-30%) e con altri prodotti come ceci, soia, leguminose, grano, miglio, curcuma. Negli ultimi anni i contadini hanno dovuto affrontare il grosso problema della disponibilità dell’acqua, poiché le piogge sono molto meno frequenti a causa dei cambiamenti climatici. Per permettere la coltivazione del riso Basmati con meno acqua si sta implementando il metodo agronomico SRI, System of Rice Intensification System of Rice Intensification, che si basa sull’umidificazione del suolo anziché coltura in immersione, con un risparmio dell’acqua fino al 50%. Razionalizzando la gestione dell’acqua con il metodo SRI e un sistema di canalizzazione gestito dal villaggio, i contadini riescono a coltivare verdure e soia biologiche nella “contro stagione” del riso, facendo sì che il terreno si rinvigorisca grazie alla rotazione delle colture e potendo avere verdure e leguminose biologiche per l’autoconsumo familiare e per la vendita al mercato locale, realizzando inoltre un reddito aggiuntivo.

Il Computer Center è ora realtà

I contadini si sentono parte della Fair Farming Foundation Ramnagar e sanno che se tutti lavorano meglio, i benefici saranno maggiori e potranno aderire nuovi soci.Collaborazione e solidarietà caratterizzano il lavoro nei campi: quando si termina il proprio lavoro si aiutano gli altri contadini del villaggio. I contadini eleggono il comitato “Producer Executive Body” che ha funzioni di coordinamento e decide come utilizzare il premio pagato dal Commercio Equo e Solidale. Grazie a questo è stato costruito un Computer Centre, con corsi di alfabetizzazione in hindi e inglese per bambini e ragazzi e un Centro di Formazione professionale con corsi di sartoria per le donne. I primi corsi hanno avuto molto successo e gli abitanti del villaggio hanno apprezzato moltissimo queste opportunità, per loro finora sconosciute. La città più vicina si raggiunge infatti dopo tre ore di autobus e i corsi hanno prezzi proibitivi.

Ultime notizie e i suoi prodotti

Ultime Notizie
Il prosecco biologico e il metodo charmat

Tra storie di filari e racconti di filiera, il metodo classico e quello Charmat: differenti lavorazioni, un’unica frizzante passione

riso Basmati India - bio

Biologico

Senza Glutine

Vegano

riso Basmati India - bio

Riso basmati biologico a chicco lungo, dall'India.
 
€ 3,20

Dal letame nasce... il biogas

Una particolare attenzione viene data alla crescita professionale e personale dei contadini. In ogni villaggio ogni mese viene svolta una formazione specifica che tratta sia aspetti tecnici (come produrre un concime biologico, come mantenere il terreno fertile, come conservare un ambiente ecologico) che più generali (le richieste del mercato, come funziona il commercio equo e solidale, il ruolo delle donna e l’importanza dell’indipendenza economica). E’ stato inoltre sviluppato un progetto con una cinquantina di contadini per ricavare il biogas dal letame. Il biogas ha diversi vantaggi, rende il gas disponibile per cucinare senza doverlo acquistare, migliora il concime per i campi e fa risparmiare tempo per la raccolta della legna.

L'impegno a favore del biologico di Nature Bio-foods

La filiera del riso Basmati è biologica al 100%. Fondamentale è infatti il ruolo di Nature-Biofoods che nel 2005 ha voluto investire in un mulino interamente dedicato al riso biologico nello stato di Haryana. Nature-Biofoods conferisce ai contadini di Fair Farming Foundation Ramnagar sementi selezionate grazie a un progetto svolto in collaborazione con l’università agraria di Pantnagar, ritira il riso dei contadini di nei diversi villaggi, collabora nell’organizzare i corsi per migliorare il rendimento e per fronteggiare i problemi posti dal cambiamento climatico. Infine esegue il controllo qualità nei propri laboratori, lo stoccaggio, è responsabile delle pratiche inerenti la certificazione biologica e cura l’esportazione verso l’Europa. Il confezionamento finale viene eseguito da una riseria svizzera che invia il Basmati ad Altromercato.